Prodotti tipici italiani: dal produttore al consumatore

Prodotti tipici italiani dal produttore al consumatore

Finalmente dopo tanti anni passati a comprare frutta, verdura non solo nei supermercati o ipermercati, c’è stato un ritorno di acquisto dei prodotti tipici italiani a km 0; in poche parole si va a fare la spesa di prodotti tipici italiani direttamente dal produttore.

Una vera e propria rispolverata di questa magnifica filosofia dei prodotti a km 0 che è sempre più in aumento e che permette all’acquirente di conoscere personalmente il produttore e di poter entrare nel suo mondo constatando da vicino come si allevano gli animali, come si coltiva frutta e verdura, come viene prodotto l’olio ecc, avendo la consapevolezza che si tratta di prodotti freschissimi, genuini e di stagione, che non subiscono aumenti e deterioramenti.

Quando si vanno ad acquistare i prodotti a km 0 si ha la certezza di fare una spesa eco sostenibile ed economica che apporterà molti vantaggi alla salute del consumatore.

I benefici dei prodotti a km 0

Sicuramente acquistando i prodotti direttamente dal produttore si hanno dei notevoli benefici come quello di mangiare cibo sano non contaminato dall’inquinamento. Questo perché i prodotti non vengono confezionati in imballaggi di scatole di cartone o plastica. Ma non solo, perché ci sono anche dei benefici nutrizionali in quanto, i prodotti di stagione e del territorio conservano inalterate tutte le loro caratteristiche fisiche e chimiche mantenendo vitamine e minerali intatti. I benefici arrivano anche dal punto di vista della sicurezza alimentare. Acquistando i prodotti direttamente dal produttore si guadagna sicuramente in salute perché a differenza di quelli che si trovano nei supermercati e quindi provenienti da altri paesi, non subiscono l’attaccamento dei concimi e dei conservanti che potrebbero creare problemi in futuro.

Risparmio economico per l’acquisto di prodotti a km 0

Bisogna tener conto anche dei vantaggi economici che avranno le famiglie acquistando i prodotti a km 0, perché il produttore venderà il suo prodotto con almeno il 30% in meno rispetto a quello acquistato nel supermercato. Quindi molte famiglie hanno ormai adottato questa filosofia di acquisto e di alimentazione anche per un risparmio sul bilancio familiare e secondo delle recenti indagini si è verificato che il numero è in continuo aumento. Molte famiglie preferiscono questo tipo di spesa, anche per dare un esempio positivo ai propri figli, abituandoli sin da piccoli a preferire questi tipi di alimenti, per renderli un domani degli adulti che sappiano rispettare il proprio modo di vivere e non solo.

Quali sono i prodotti a km 0

legumi a km 0I prodotti tipici italiani a km 0 sono principalmente:

  • La frutta, soprattutto quella con buccia sottile e spessa e quella colorata. Fortunatamente in Italia se ne coltiva in gran quantità e di ottima qualità, è consigliabile di acquistarla dal produttore nel suo momento di piena maturità per ottenere il massimo delle sue proprietà nutritive.
  • I legumi, come fave, lenticchie, ceci, fagioli e piselli: quest’ultimi possono essere mangiati subito dopo la raccolta. La lista è lunga perché a questi si aggiungono anche verdura, uova, latte, carne e anche cereali.

Naturalmente non si può pretendere di trovare tutti questi alimenti come nei supermercati, perché ogni regione rispetta le proprie tradizioni, come la Sicilia che coltiva arance o la Puglia che produce olio dai suoi ulivi.

Infine, è bene chiarire che, acquistare prodotti tipici italiani contribuisce a garantire una corretta alimentazione, consumando i cibi in relazione alla loro stagionalità. Inoltre, avendo ogni prodotto un proprio attaccamento al territorio, acquistare prodotti tipici italiani a km 0 garantisce la tipicità del prodotto acquistato, infatti, anche acquistando on-line prodotti tipici italiani direttamente presso i produttori, tutti i benefici e vantaggi indicati continuano ad essere ben rappresentati nei prodotti acquistati.

Lascia un commento